Spedizione gratuita oltre i 79€

Cantina Molisana

Vini per passioneVini siciliani: 6 migliori varietà
vini siciliani

Vini siciliani: 6 migliori varietà

Benvenuti sul blog di Cantina Molisana. Oggi avrò il piacere di parlarti dei tanto buono quanto rinomati vini siciliani. Stiamo parlando di vini di estrema qualità che hanno trovato una posizione importante a livello nazionale.

Importante sapere che in questa regione nacquero le prime cantine sociali, ovvero quelle realtà vitivinicole chiamate anche cooperative, che raccoglievano tanti piccoli viticoltori in un unico contesto. Anche nel mio piccolo Molise tiene botta ancora una società cooperativa: la Cantina San Zenone; una realtà che al suo interno possiede circa 100 viticoltori.

 

Tornando ai vini siciliani, non posso non accennarti del Marsala, che sicuramente conoscerai, un vino liquoroso che nasce grazie a John Woodhouse che arriva al porto di Marsala e da vita così al primo vino DOC italiano. Sia chiaro che oggi tra i vini siciliani spiccano anche i DOCG (denominazione di origine controllata e garantita) e gli IGT (indicazione geografica tipica).

In questo articolo ti parlerò in maniera più approfondita dei vini siciliani bianchi, rossi ed in linea generale dei vini siciliani famosi. Sarà un piacere fornirti anche delle chicche importanti per abbinare questi ottimi vini a dei piatti semplici e sfiziosi.

Quasi dimenticavo, accidenti, non mi sono neanche presentato; io sono Riccardo, ho ventisette anni e vengo dal piccolo Molise, una regione che forse non conoscerai ma come la Sicilia gode di ottimi vini ed ha una gran bella storia, oltre che un terroir importante ed adatto alle diverse tipologie di vitigni presenti in regione.

 

(scopri qui i migliori vini rossi)


Vini DOCG – DOC – IGT

vini siciliani 2

Come ti accennavo prima tra i vini siciliani sono tre le carte d’identità presenti in regione. Ovvio che i vini con Denominazione di origine controllata sono i più numerosi e presenti in maniera omogenea in tutta la regione.

Tra i vini siciliani DOCG troviamo:

  • Cerasuolo di Vittoria: che nasce proprio nella città di Vittoria; viene prodotto nelle province di Ragusa, Caltanissetta e Catania ed in particolar modo da vitigni di Frappato (per la minor parte) e Nero d’Avola (per la maggior parte). Ovviamente è un vino rosso dal colore importante e si presenta davvero profumato.

Tra i vini siciliani IGT troviamo:

  • Placido: un vino bianco dedicato a Placido Rizzotto, noto politico italiano ucciso dalla mafia. Questa tipologia è sicuramente tra le più importanti dei vini siciliani bianchi e presenta un colore giallo paglierino con sentori molto fruttati all’olfatto.

Tra i vini siciliani DOC sono circa 20 le tipologie di vini, te ne citerò alcune:

  • Alcamo: che viene prodotto nelle province di Palermo e Trapani;
  • Malvasia delle Lipari: nella provincia di Messina;
  • Monreale bianco: parte della grande famiglia dei vini siciliani bianchi che è prodotto in diversi comuni della città di Palermo.
  • Santa Margherita di Belice: che al suo interno comprende una vasta tipologia di vini siciliani rossi, bianchi e rosati; tutti prodotti in dei comuni della provincia di Agrigento.
  • Vittoria: altra tipologia che comprende i vini siciliani famosi che vengono prodotti in tre province diverse, ovvero Ragusa, Caltanissetta e Catania.

Insomma, ho cercato di darti un infarinatura generale sui vini siciliani, anche se credimi un libro non basterebbe per descriverne la bellezza e la bontà. Ora però entriamo più nel merito.

 


Vini siciliani bianchi

vini siciliani bianchi

Se volessimo parlare di numeri, ti garantisco che in Sicilia esistono molti più vini bianchi rispetto ai rossi; infatti circa il 60% della produzione totale riguarda i vini siciliani bianchi.

Ti starai chiedendo il perchè?… Ecco, non c’è una vera e propria risposta; una cosa però è certa, sembra che i vini siciliani bianchi siano più adatti a questo territorio ed il clima mediterraneo ne favorisca la coltivazione. Non è una cosa così usuale questa, però è un dato di fatto. I vitigni autoctoni sono concentrati nelle province di Trapani, Agrigento e Palermo.

 

Adesso, ti parlerò di tre vini siciliani famosi:

 

  • Grillo: una tipologia di vino bianco che al suo interno comprende tantissime etichette sparse in regione, anche se la maggior parte di esse si trovano nella zona di Marsala. Tra le etichette più importanti troviamo il Grillo Verde, un vino bianco del tutto naturale che rappresenta un pò la storia dell’enologia siciliana.
  • Chardonnay: un’altro vitigno noto siciliano che ugualmente al Grillo, è madre di tante etichette; come ad esempio il Planeta, un vino bianco di tutto rispetto dal colore giallo dorato con dei riflessi molto vivaci. Pensa che può invecchiare fino a 10 anni ed è perfetto da bere con del buon pesce o delle carni affumicate.
  • Malvasia di Lipari: sappiamo bene della presenza importante di diverse tipologie di Malvasia in tutta la nostra penisola; bene, però oggi parliamo meglio di questo vitigno che prende parte ai rinomati vini siciliani bianchi. Un vino che fresco, con grandi aromi e dal colore giallo dorato; ha una gradazione alcolica di circa il 12% e tengo a ricordare che sono diverse le aziende vinicole in Sicilia che con queste uve danno vita a vini passiti e liquorosi.

 

(scopri qui i vini passiti secchi italiani)


Vini siciliani rossi

vini siciliani rossi

Ebbene si, anche se i vini siciliani rossi sono a livello numerico meno di quelli bianchi, anch’essi hanno una rinomata qualità e godono di una spiccata visibilità a livello nazionale ed internazionale.

Così come ho fatto per i vini bianchi siciliani, ti parlerò in maniera particolare di tre vini siciliani rossi. Abbiamo improntato i vini bianchi sul lato più amorevole della Sicilia, ovvero quello più delicato e sensibile; mentre parlare dei rossi sta sicuramente a significare un lato duro, deciso e con un forte legame alla terra siciliana che nel tempo è migliorata ed è stata il frutto dei prodotti di oggi.

 

Basta chiacchiere ecco i tre vini siciliani rossi che ho scelto:

 

  • Nero d’Avola: vini siciliani famosi? SI, hai capito bene, c’è sicuramente questo vitigno autoctono che devo dirti il vero, lo è diventato solo quando ha fatto meno di quelle bottiglie da taglio. Questo è un vino forte, con un carattere da far invidia a qualsiasi altra tipologia. Giusto per citarti un’etichetta: Petti Rosso, un vino che non va bevuto prima di 18 mesi e rigorosamente biologico.
  • Vini dell’Etna: quando parlo di questi vini, mi torna in mente un pò la storia del Tintilia del Molise, vitigno che solo grazie al tempo tornò a splendere e dar vita a vini eleganti e sinceri. In Sicilia ogni vino dell’Etna ha una sua particolarità, data dai climi diversi e dalle alture; ribadisco proprio come la Tintilia che coltivata nel basso Molise sprigiona dei sapori e delle caratteristiche diverse se coltivata in Alto Molise.
  • Perricone: un vitigno autoctono che nasce nella Sicilia occidentale che per lo più viene coltivato tra Palermo e Trapani. La sua buccia spessa lo rende forte e da esso derivano dei vini siciliani famosi con un’eccellente qualità/prezzo. Tra i più pregiati vini che derivano da questa varietà di uvaggio c’è il Porta del Vento, un vino dal colore rosso rubino e ben amato dai siciliani.

 

(scopri qui i migliori vini di Tintilia del Molise)


Vini siciliani rosati

vini siciliani famosi

Tra i vini siciliani famosi, credimi ci sono dei rosati da far invidia. Il Nerello Mascalese è l’uvaggio più utilizzato per dar vita ai vini rosati; ovvio che anche altre varietà si dividono la restante fetta; su due piedi mi verrebbe da pensare al Rosammare Barraco, un vino rosato siciliano che deriva dal Nero d’Avola, garantendo basse quantità ma una qualità davvero eccellente. O ancora il Zahir Rosato, derivante sempre dal Nero d’Avola, un vino importante e poco costoso, che si presenta dagli aromi fruttati e ben morbido al palato.

Insomma, senza dilungarci troppo, in Sicilia sta aumentando di anno in anno la produzione dei vini rosati, che vengono sempre più utilizzati a tutto pasto nelle giornate quotidiane e se ci fermassimo a pensare meglio, riescono a sposare sia i piatti a base di carne che di pesce, magari gli aperitivi, i pranzi e le cene non troppo importanti; in maniera molto lineare, piacevole e soddisfacente.

Una chicca però ho bisogno di dirtela; nel mio paese di nascita, Montenero di Bisaccia in provincia di Campobasso; mmmmm, si starai pensando il paese di Antonio Di Pietro (ex magistrato; ed è proprio così…), la produzione di vino rosato è a livelli esagerati, infatti ti “linkerò” di seguito i vini della cantina del mio paese che hanno davvero creato una dipendenza nella gente del mio posto… ahahahah…

Risate a parte, non sono io a dirlo… bensì quando mi misi a parlare con il mio amico Mauro (enologo di tutto rispetto e fortunati noi molisani ad averlo) che capii quanto il vino rosato potesse essere sempre più gradito dalla gente. C’è ne uno in particolare che fa impazzire tutti, ma dico proprio tutti: Clivia – Rosato IGT. (scopri di più)

Fidati, noi molisani siamo gran bevitori…

 

(scopri qui i migliori vini rosati)


Vini siciliani famosi

Fin’ora abbiamo parlato di vitigni a bacca nera e vitigni a bacca bianca in linea generale. Adesso però vorrei entrare un pò più nei meandri dell’enologia siciliana parlandoti di alcune etichette che sono riuscite a farsi conoscere anche a livello internazionale.

Tieniti forte, sono vini siciliani famosi e di conseguenza godono di prezzi abbastanza alti, che però danno donano davvero un valore importante a tutta la regione ed in particolare a quei viticoltori che con amore e dedizione, ogni giorno sono tra i vigneti a lavorare duramente.

In particolare ti presenterò tre etichette di vini siciliani rossi più importanti e di spicco:

  1. “Arcurìa Sopra il Pozzo”: deriva al 100% dal vitigno di Nerello Mascalese ed ha delle caratteristiche come pochi vini italiani. Rappresenta il miglior vino dell’Etna con un carattere deciso ed all’olfatto delle note di lampone, frutti di bosco e pepe nero. Costa intorno alle 155 euro a bottiglia e rappresenta, ripeto, la massima espressione della qualità enologica siciliana.
  2. “Grotte Alte”: deriva al 50% dal vitigno Nero d’Avola ed al restante 50% dal Frappato. La sua buona acidità permette di essere un vino che si fa bere in maniera tranquilla, infatti presenta un tannino deciso e chiaro. L’affinamento dura circa 3 anni in barriques ed indicativamente il suo costo è di 50 euro a bottiglia.
  3. “Lusirà”: deriva al 100% dal vitigno Syrah ed è una tipologia che al contrario degli altri vini siciliani rossi famosi (super eleganti) riesce a dar spazio anche a quella grinta, magari caratteristica di un vino più quotidiano e commerciale. Infatti il suo prezzo è di circa 20 euro a bottiglia, ma noi abbiamo voluto ugualmente classificarlo tra le migliori etichette siciliane.

Adesso però voglio presentarti dei salumi artigianali che sicuramente non avrai mai mangiato prima d’oggi:


Conclusioni

Per me è stato un piacere parlarti della Sicilia e di come l’enologia di questa regione si sia evoluta così fortemente nel tempo. Ovvio che in un semplice articolo ti ho detto davvero poco, ma sicuramente questa può definirsi una bella infarinatura ed arricchirà il tuo bagaglio culturale in ambito enologico.

A tratti ti ho parlato anche della regione in cui sono nato e vivo, il Molise (esiste, esiste), perchè ho notato un senso di appartenenza ed un attaccamento alla terra simile a quella siciliana.

Nel mio Blog, giornalmente parlo di tipicità della nostra terra e Cantina Molisana è un’e-commerce (negozio online) che prima di vendere dei prodotti, ti garantisce un vero e proprio viaggio culinario/degustativo anche se dietro uno schermo. Ma come???… Pensa che in ogni singola scheda prodotto, ci sarò io a spiegarti, attraverso una video-clip, ciò che stai guardando e magari acquistando; saprai per bene le caratteristiche e la storia del prodotto stesso, oltre che i migliori abbinamenti. Insomma consapevolezza a 360 gradi di ciò che abbiamo avanti ai nostri occhi.

Credo fermamente che il web, in continua evoluzione, abbia bisogno di autenticità e contenuti veri. Se sei arrivato fin qui, io ti ringrazio e ti chiedo scusa se a volte siamo entrati un pò nei tecnicismi; ovviamente ti invito a visitare la nostra piattaforma digitale.

Sicuramente noi molisani non abbiamo tutte le tipologie di vini siciliani bianchi e vini siciliani rossi o rosati ed il nostro autoctono per eccellenza è solo uno, ma delle forti radici ed una storia che andrebbe valorizzata. Incredibile tutto questo, vero?


Ci vediamo al prossimo articolo. Mi raccomando visita il sito www.cantinamolisana.it.

 

Potrebbe Interessarti:

Cantina Molisana Seguici sui social

Le pagine ufficiali di Cantina Molisana