Cantina Molisana

I nostri viniIl vino più costoso al mondo
il vino più costoso del mondo

Il vino più costoso al mondo

Conosci il vino più costoso al mondo? Ebbene sì, ci sono delle bottiglie di vino che risultano essere estremamente costose e non stiamo parlando di alcune decine di euro o addirittura centinaia, ma piuttosto di milioni di dollari. A questo punto sarebbe curioso capire come si fa a determinare il prezzo giusto di una bottiglia di vino e come si diventa il vino più costoso al mondo.

Perchè il vino è sicuramente la bevanda alcolica più conosciuta al mondo, probabilmente al pari della birra o forse anche qualcosa in più. Spesso una sola etichetta può essere sufficiente per riuscire a descrivere un’intera terra che si tratti di una città, una regione o uno stato.

 

Non sono poche le etichette che ad oggi sono state in grado di raccogliere la denominazione DOC nel suo lungo percorso verso il diventare una bottiglia conosciuta in tutto il mondo. Ma di qui a divenire il vino più costoso al mondo ce ne passa.

Allora andiamo alla ricerca di qual è il vino più costoso e cosa determina un prezzo così alto.


Il vino più costoso al mondo: cos’è il vino

il vino più costoso del mondo 2

Iniziamo questa guida alla scoperta di quello che è il vino più costoso al mondo partendo in maniera estremamente banale e andando alla scoperta di cos’è il vino. Sembra forse sciocca come cosa, ma probabilmente la potremmo definire doverosa.

Il vino è semplicemente il prodotto ultimo della fermentazione in alcool degli zuccheri che sono contenuti all’interno del mosto d’uva. Quando in riferimento al vino si parla di uva ci si riferisce al frutto della piata conosciuta con nome scientifico di vitis vinifera, la vite in grado di produrre delle uve che grazie alle proprietà organolettiche possedute è in grado di dar vita a vini di natura differente,

Saprai bene che le uve si suddividono in uve da tavola e quelle da vino, di quest’ultime ogni acino dà vita a una tipologia di vino differente, spesso vengono poi trasformate in assolutezza o miscelate tra di loro in diversa proporzione per l’ottenimento di vini anche pregiati.

La vite ha un ciclo di produzione che si completa all’interno dell’anno, a fine estate, inizio autunno i grappoli vengono raccolti per dar vita alla produzione annuale di vino in bottiglia che ha sempre come riferimento l’anno di vendemmia.

 

(scopri qui lo shop online di Cantina Molisana)


Caratteristiche e vinificazione della vite

qual è il vino più costoso

Ciò che favorisce la coltivazione della vite è sicuramente il clima che in Italia e in altre zone del modo è a essa molto favorevole. In genere la vite, anche quella per il vino più costoso al mondo viene coltivata nelle zone temperate dell’emisfero, quindi:

  • Germania;
  • Francia;
  • sud Italia;
  • Spagna;
  • Grecia;
  • Medio Oriente.

Si tratta di una pianta che teme il gelo estremo, ma allo stesso modo non sopporta neanche il cado esagerato. Inoltre il clima non deve essere troppo piovoso e la zona deve offrire una buona esposizione al sole. Tutto questo non solo determina la possibilità di coltivare la vite, ma anche di ottenere del vino di estrema qualità, fino ad arriva alla coltivazione di una per il vino più costoso al mondo.

Per quel che riguarda la vinificazione, essa avviene in cantina, con le uve che vengono pigiate e il mosto che viene fatto fermentare per ottenere il vino. Come già anticipato in precedenza a seconda della tipologia di uva si ha una tipo di vino diverso che può essere monovitigno oppure assemblaggi di uve.

Successivamente a una fase di affinamento che può richiedere un tempo che può essere breve o lungo e può avvenire in contenitori di acciaio o di legno, il vino viene poi imbottigliato per arrivare finalmente alle tavole, di chi non disprezza un buon bicchiere di vino.

 

(visita qui il nostro blog)


Il vino più costoso al mondo: Da degustare ed abbinare

Il prodotto finale della coltivazione della vite e della vinificazione è il vino e come potrai immaginare anche il vino più costoso al mondo si ottiene nello stesso modo. Ovviamente a seconda della zona in cui avviene il processo e delle modalità il vino può avere delle caratteristiche organolettiche differenti che di molto influiranno sulla qualità del prodotto e quindi sulla sua degustazione.

La degustazione del vino è una vera e proprio esperienza sensoriale che coinvolge tutti i sensi e che si compone di momenti differenti tra loro. In ogni caso, se la degustazione da esperto non è quello che stai cercando, forse potrai essere maggiormente interessato all’abbinamento con i cibi.

 

Allora a seconda della tipologia di bacca, del colore, del vino e del processo che ha portato al prodotto finito, la bevanda si abbina a piatti più delicati piuttosto che a quelli dai sentori molto più decisi. In ogni caso è importante che il tutto raggiunga la piena armonia per l’appagamento del palato.

Conosciuto il vino, la vite e il processo che porta dall’acino alla bottiglia è proprio il momento di parlare e conoscere il vino più costoso al mondo. Vediamo insieme.


Un kg di uva a volte costa più di un litro di vino

qual è il vino più costoso 2

Prima di capire qual è il vino più costoso, soffermiamoci innanzitutto sul legame che persiste tra il valore del vino e quello dell’uva da cui prende vita. Vedremo tra poco che a determinare il costo per il vino più costoso al mondo sono diverse caratteristiche, così come avviene per tutte le tipologie di vino.

Ma andando oltre a quelli che sono i meri prezzi e costi a cui ogni azienda deve dar conto, soffermiamoci alcuni secondi sul legame che vi è tra il vino e l’uva.

Innanzitutto occorre porre attenzione sul fatto che la filiera del vino si caratterizza per dei mercati intermedi:

  • uva;
  • vino appena prodotto;
  • vino maturo.

Ovvio che questi 3 sono tra di loro correlati in maniera funzionale, ma sono comunque separati e si legano spesso in funzione della domanda e dell’offerta che viene espressa da soggetti diversi. In realtà il meccanismo della domanda e dell’offerta spesso agiscono in maniera così strana da far apparire il prezzo apparentemente troppo alto, spesso non competitivo.

Spesso tale meccanismo viene innescato anche da comportamenti strategici messi in atto da un operatore che vuole accaparrarsi una fetta di mercato maggiore.

In ogni caso il valore dell’uva influisce per 1/3 sul valore finale del vino quando viene venduto e immesso sul mercato. Ma l’incidenza del valore dell’uva su quello del vino cresce notevolmente nel caso in cui si sia in presenza di uve la cui produttività è di gran lunga inferiore a quella di tutte le altre, come succede per il Brunello di Montalcino e per il Prosecco.

 

(scopri qui il Tintilia del Molise)


Il vino più costoso al mondo: elementi che influiscono sul costo del vino

Ci siamo quasi, tra poco andremo a conoscere il vino più costoso al mondo, sappiamo che sei curioso di conoscerle sia il nome che la struttura. Conoscerlo per sognare un giorno di riuscire anche ad assaggiarlo, perché sia chiaro, tra poco ti diremo qual è il vino più costoso, ma ricorda che nonostante il prezzo è stato imbottigliato per essere bevuto.


Costi di produzione

qual è il vino più costoso 3

Il primo elemento di influenza sul prezzo del vino sono i costi di produzione e cioè quelli che il produttore si è dovuto sobbarcare per la produzione del vino. I costi di produzione anche di quello che è il vino più costoso al mondo, anzi a maggior ragione sono:

  • prezzo a cui il produttore ha acquistato il suo appezzamento: ci sono alcune zone che per la coltivazione vinicola sono considerate pregiate e per questo al momento dell’acquisto richiedono un esborso di denaro maggiore che nel trascorrere degli anni dovrà essere riassorbito dalla produzione e vendita di vino;
  • tipologia di vigna che si decide di impiantare: alcune richiedono dei lavori di gestione maggiori come gli appezzamenti che vengono coltivati su terreni scoscesi;
  • costi di vinificazione: macchinari, botti, cantine con ambientazioni specifiche:
  • restrizioni imposte dallo stato e dalle autorità in materia di qualità ed autenticità.

 

(scopri qui il wine shop numero 1)


Imbottigliamento ed etichettatura e distribuzione

qual è il vino più costoso 4

Altri costi di cui il produttore non può non tener conto sono quelli di imbottigliamento e di etichettatura del prodotto finito. La bottiglia in vetro ha un certo costo su cui influisce anche la qualità del vino stesso, allo stesso modo il tappo in sughero, la carta dell’etichetta e il lavoro del grafico o del designer che all’etichetta ci ha lavorato.

Ovvio che ci sono materiali che non si possono definire cari, altri che invece hanno un costo maggiore, in questo caso molto dipende dalle scelte del produttore.

Terminati i costi di produzione, imbottigliamento ed etichettatura, le spese non sono certo finite considerando che anche la distribuzione è un costo, che comprende i soggetti addetti alla vendita del vino, il trasporto delle bottiglie e i costi insiti nella stessa vendita. Tutto questo fa inevitabilmente salire il prezzo del vino. Ovvio che lo stesso discorso vale anche per il vino più costoso al mondo, anzi a maggior ragione, considerando che ciò che occorre per una produzione di eccellenza sono operai specializzati ed elementi di primissima qualità. In sostanza il vino più costoso al mondo non può certo essere venduto nel tetrapak no?!

 

 

(scopri qui Tintilia del Molise; in foto)


Il vino più costoso al mondo: Costi pubblicitari

Infine ecco i costi pubblicitari che molto dipendono dalla politica commerciale che il brand vuole seguire. Alcuni vini possono dire di godere di una fama particolare, così come i loro marchi sono stati in grado di costruirsi una reputazione internazionale. Ci sono poi dei produttori che sono stati valorizzati nel tempo da campagne pubblicitarie d’estate o da scelte di marketing o dalla vittoria di un riconoscimento internazionale e questo influisce sul prezzo del vino.

Quindi hai potuto comprendere fino a questo momento che il prezzo del vino è influenzato da numerosi aspetti, alcuni che non sono strettamente connessi né all’uva né al prodotto finito, ma piuttosto all’immagine che il marchio è stato in grado di crearsi e di mostrare al mondo intero.


Qual è il vino più costoso al mondo?

Ti avevamo promesso che ti avremmo presentato il vino più costoso al mondo ed eccoci arrivati al dunque esattamente come promesso. In realtà non sono poche le etichette illustri del mercato, quelle i cui numeri fanno veramente girare la testa, te ne offriamo almeno 5 partendo da quello che si rivela essere in assoluto il più costoso.

 

(scopri qui il vino più costoso molisano)


Cabernet di Screaming Eagle del 1992: 228.228 euro

Un rosso prodotto dalla Screraming Eagle, una casa vinicola californiana che si è presa la vetta di questa mini top 5 per quel che riguarda i vini più costosi. Quello che puoi leggere poco sopra è il costo battuto all’asta nel 2000 dove questa bottiglia di 6 litri di Cabernet è stata venduta per l’equivalenti di 500 mila dollari.

Tutto il ricavato è stato devoluto in beneficenza e l’acquirente è stata un vero collezionista ed intenditore.


Château Margaux del 1787: 165.275 euro

Bottiglia che fa parte della collezione di Thomas Jefferson. La bottiglia apparteneva al mercante di vini Willima Sokolin il quale nel 1989 la portò a una cena che venne organizzata da Château Margaux presso il Four Season Hotel di New York.

Proprio in quell’occasione un cameriere la fece cadere e la ruppe in 1000 pezzi.

Sokolin chiese all’assicurazione un risarcimento di 500 mila dollari, ma ne ottenne solo la metà. In sostanza la bottiglia non è mai stata venduta, ma il suo valore era inequivocabile.


Château Lafite del 1787: 117.530 euro

Questa bottiglia deve il suo valore innanzitutto alla fama della sua casa vinicola che produce dei Bordeaux veramente eccellenti e unici nel lo genere. Questo vino che vede la sua data fissata a più di 200 anni fa non deve essere bevuto, ma solo collezionato.

La bottiglia faceva parte della collezione prestigiosa del Presidente Jefferson, dal 1985 invece è in quella dell’editore Malcolm Forbes, quello della rivista Forbes.


Mertol di Château Cheval Blanc del 1947: 99.257 euro

Un vino che è stato venduto nel 2006 a San Francisco. Un vino di una delle case vinicoli in grado di produrre i migliori vini del mondo intero. Insomma una sicurezza. Ma in fondo ti avevamo già anticipato che il valore del marchio contava molto sul prezzo finale del vino stesso.


Bordeaux di Chateau Mouton Rothschild, del 1945: 84.191 euro

Ecco l’ultimo dei 5 prodotti che eleggono il vino più costoso al mondo. Il compratore di questo vino è rimasto anonimo all’asta di Christie’s, nel 1997.

Caratterizzata da una bottiglia modello Jéroboam con una capacità di ben 3 litri. Il costo di questa bottiglia dipende molto dalla celebrità del vino stesso, spesso citato anche nei film di James Bond. Quella del 1945 è sicuramente una delle migliori annate del secolo scorso.


Ci vediamo al prossimo articolo. Mi raccomando visita il sito www.cantinamolisana.it.

 

Potrebbe Interessarti:

Cantina Molisana Seguici sui social

Le pagine ufficiali di Cantina Molisana